Scansano

Delizioso borgo posto tra le colline maremmane, nel sud della Toscana, Scansano è internazionalmente noto per il suo Morellino di Scansano, vino rosso DOCG.
Si tratta di uno dei luoghi più belli di questo territorio e certamente uno dei più conosciuti, il suo vino infatti ha fama mondiale ed il suo centro storico è uno dei più particolari tra quelli della Maremma.

Cosa vedere a Scansano

Il borgo di Scansano ospita edifici antichi e monumenti molto interessanti, testimonianze di storia antica che raccontano un glorioso passato.

Chiesa di San Giovanni Battista : è il principale edificio sacro della cittadina, venne costruito sicuramente prima del 1276. L’aspetto attuale è frutto di una importante opera di restauro avvenuta nel corso del 1700. Al suo interno sono custodite alcune importanti opere d’arte, alcuni preziosi dipinti, come quelli raffiguranti il Martirio di San Sebastiano, la Madonna col Bambino, particolarmente interessante la copia della Madonna dell’Uccellino, in terracotta invetriata che sostituisce l’originale trafugato nel 1971.
Chiesa della Madonna delle Grazie : risale al 1600 e sorge sui ruderi di una preesistente cappella rurale. Rimaneggiato nel 1862 in seguito ai danni causati da una violenta alluvione, l’edificio venne ricostruito in stile neoclassico su progetto di Luigi Vannucchini. Di particolare interesse, tra le opere esposte al suo interno, il dipinto di una Madonna delle Grazie.
Palazzo Pretorio : edificio risalente al 1400, svolse funzioni civiche sin dalla sua costruzione fino al XIX secolo, quando venne impiegato come progione.
Teatro Castagnoli : il bellissimo teatro di Scansano venne costruito in più fasi tra il 1852 e il 1891.
Cinta Muraria : costruita originariamente dagli Aldobrandeschi in piena epoca medievale (intorno al XII secolo) le mura vennero ampliate e fortificate nel secolo successivo. Nel 1400 enne aggiunta una torre di avvistamento e il secolo successivo una delle porte di accesso al borgo.

Il Morellino di Scansano

Il Morellino di Scansano è un vino che ha ottenuto l’ambitissimo riconoscimento DOCG nel 2007. Viene prodotto nel territorio comunale di Scansano e nella provincia di Grosseto.
La zona di produzione comprende tutto il comune di Scansano ed i comuni di Grosseto, Magliano in Toscana, Manciano, Roccalbegna e Semproniano.
Le uve consentite sono Sangiovese minimo 85% e altre uve di vitigni a bacca nera (Alicante, Ciliegiolo, Colorino, Malvasia Nera, Canaiolo, Montepulciano, Merlot, Syrah, Cabernet France, Cabernet Sauvignon) in misura non superiore al 15%.

Il vino ha caratteristiche specifiche :

  • colore rosso rubino intenso
  • all’olfatto ha un odore intenso, fresco e fruttato, con sentori di frutti rossi e prugna
  • gusto secco, caldo e leggermente tannico
  • acidità totale 4,5 g/l minimo
  • titolo alcolometrico 12.5°C per il tradizionale, 13°C riserva

Un po’ di storia

Esistono importanti testimonianze di insediamenti sul territorio di Scansano risalenti al periodo etrusco e romano, oggi preziosi siti archeologici (Ghiaccio Forte e Aia Nova). Si hanno testimonianze in merito all’esistenza di un castello in epoca medievale, nel 918, quando in un documento ufficiale viene citata per la prima volta una località chiamata Curtis Mustia, probabilmente riconducibile alla odierna frazione di Murci. Il Castello di Scansano viene invece citato per la prima volta solo nel 1274, conteso tra le famiglie Tolomei e Alobrandeschi. A partire dal 1418 Scansano entrò a far parte dei domini degli Sforza, insieme alla Contea di Santa Fiora, dopo il matrimonio tra cecilia Aldobrandeschi e Bosio Sforza. Scansano rimase sotto il controllo degli Sforza fino al 1615, anno in cui venne ceduto a Cosimo II Medici. In questi secoli Scansano vede notevolmente accrescere la sua importanza, fino al 1780, quando venne regolamentata l’estatatura (il trasferimento di tutti gli uffici pubblici da Grosseto, durante i mesi estivi, a causa della malaria che proliferava nelle aree pianeggianti della Maremma Toscana), sancendo diu fatto il riconoscimento a Scansano di vice-capoluogo della provincia di Grosseto.

Come arrivare a Scansano

Scansano dista cirxa 19 km dall’Agriturismo Poggio alle Calle. Per raggiungerlo è necessario percorrere in direzione sud la SP159 per 2km, poi svoltare a destra rimanendo sulla SP159 per altri 156.6 km. Alla rotonda prendere la prima uscita e proseguire sulla SS323 per circa 1.5 km.

Cosa dicono i viaggiatori